CREA - Centro di Ricerca e Ambulatori

CREA - Centro di Ricerca E Ambulatori è un progetto di ricerca scientifica e di evoluzione scientifico - culturale per la Fondazione San Sebastiano della Misericordia di Firenze.




Archivio News

news

02/04/2021
Consapevolezza 2021 - Diretta Facebook ore 11-13



24/02/2021
Congresso Nazionale SOPSI - 24-27 febbraio 2021



21/09/2020
AUTISMO E DEPRESSIONE POST-COVID - 8 ottobre 2020



05/06/2020
Diretta Facebook - 5 giugno 2020 ore 17.30



30/03/2020
SFIDAUTISMO20 campagna FIA 30 marzo-12 aprile 2020




 
24/05/2018

MICROBIOTA E NEUROSVILUPPO: UNA NUOVA FRONTIERA DI STUDIO DELLA CONTINUITÀ FRA INDIVIDUO E AMBIENTE NELL'AUTISMO - PARTE II

Un numero crescente di evidenze scientifiche lega il microbiota intestinale al disturbo dello spettro autistico (DSA). Molti studi hanno individuato delle differenze significative nella composizione della flora intestinale fra persone con DSA e controlli, sia nell'età infantile che in quella adulta. Fra i batteri in eccesso vi sono quelli del genere Clostidria, associati a stress e ansietà, e quelli del genere Sutterella Wadsworthensis, associati a infezioni gastrointestinali, morbo di Crohn e colite ulcerosa. Anche alcuni funghi, per i quali si parla di micobiota, sono risultati alterati nell’intestino delle persone con DSA. La candida ad esempio è risultata abbondante e collegata a processi infiammatori, anche sistemici. Può attivare massivamente il sistema immunitario dell’ospite sia per interazione diretta che attraverso l’induzione di modifiche del microbiota, in particolare del numero di lattobacilli; può incrementare la produzione di interleuchina 22, una citochina implicata nella patogenesi di molte malattie autoimmuni, come il Crohn e l’artrite reumatoide. Un eccesso di Candida riduce anche la possibilità di riequilibrare la flora intestinale, soprattutto dopo alterazioni persistenti.
Un incremento rilevante della Candida e una più generale predisposizione alle infezioni fungine, talora con interessamento sistemico, sono stati rilevati anche nell’intestino delle maggior parte delle persone con sindrome di Rett.
Dismicrobismi ntestinali sono stati associati anche a eccessiva produzione di serotonina, alterazioni del metabolismo del triptofano (entrambe riscontrate nelle persone con DSA), dolori addominali, infiammazione e aumento di citochine infiammatorie. Le ricerche su modelli animali mostrano che alcune alterazioni del microbiota possono produrre cambiamenti consistenti dei sintomi comportamentali dell'autismo, alla cui base è stata ipotizzata la produzione di tossine, la degenerazione dei prodotti o dei processi di fermentazione, anomalie immunologiche e metaboliche.
Un recente studio dell'Università della California (USA) ha evidenziato come il microbiota intestinale di bambini affetti da DSA sia diverso da quello di bambini neurotipici e come i sintomi gastrointestinali nei bambini con DSA si accompagnino ad alterazioni delle citochine infiammatorie e ad un’aumentata permeabilità intestinale.
La selettività alimentare tipica di molte persone con DSA potrebbe esser legata alla particolare composizione del microbiota, ma le conoscenze a riguardo sono ancora limitate e non permettono di individuare nessi causali che possano valere per la maggior parte delle persone. Anche gli studi in cui sono stati somministrati probiotici, nel tentativo di migliorare il microbiota intestinale, sono ancora scarsi, contraddittori e incompleti. Pertanto le diete o in generale gli interventi nutrizionali o nutraceutici non dovrebbero essere praticati in maniera indiscriminata, ma solo nei casi in cui siano state rilevate alterazioni o carenze specifiche e con i dovuti accorgimenti. Le diete GFCF (prive di glutine e di caseina) sembrano aver avuto una qualche utilità solo in un numero limitato di bambini, mentre sono state associate a cambiamenti negativi del metabolismo in molti altri casi. Analogamente, l’integrazione di vitamina D o di ferro dovrebbe essere attuata solo quando siano state rilevate carenze di questi micronutrienti, tenendo conto che un loro eccesso potrebbe essere dannoso. La somministrazione di omega-3 risulta particolarmente utile nei casi di dislipidemia, valutabile con esami svolti presso centri qualificati. In alcuni casi l’utilizzo di acidi grassi polinsaturi richiede una copertura antiossidante, soprattutto quando contengano alte percentuali di omega-6, che vengono ossidati velocemente e, nei pazienti con meccanismi antiossidanti più deboli, possono produrre accumulo di sostanze tossiche.
Molto interessante è anche il rapporto tra il microbiota materno e quello del feto e del neonato. Fino a un paio di anni fa si riteneva che i batteri materni non potessero superare la placenta e colonizzare il feto. Studi recenti mostrano invece che ciò avviene. Il microbiota materno si trasferisce al bambino anche durante il passaggio nel canale del parto e durante l’allattamento.

RIFERIMENTI

- Berer K and Krishnamoorthy G. Commensal gut flora and brain autoimmunity: A love or hate affair? Acta Neuropathol. 2012, 123, 639-51.
- Cao B, Stout MJ, Lee I, Mysorekar IU. Placental Microbiome and Its Role in Preterm Birth. Neoreviews. 2014 Dec 1; 15(12): e537–e545.
- Ding HT, Taur Y, Walkup JT. Gut Microbiota and Autism: Key Concepts and Findings. J Autism Dev Disord. 2017 Feb;47(2): 480-489.
- Enaud R, Vandenborght LE, Coron N, et al. The Mycobiome: A Neglected Component in the Microbiota-Gut-Brain Axis. Microorganisms. 2018 Mar 9; 6(1), pii: E22.
- Guarner F, Malagelada JR. Gut flora in health and disease. Lancet, 2003, 361(9356): 512-9.
- Peretti S, Mariano M, Mazzocchetti C, et al. Diet: the keystone of autism spectrum disorder?, Nutritional Neuroscience, 2018, DOI: 10.1080/1028415X.2018.1464819.
- Perez-Muñoz ME, Arrieta M-C, Ramer-Tait AE, and Walter J. A critical assessment of the “sterile womb” and “in utero colonization” hypotheses: implications for research on the pioneer infant microbiome. Microbiome, 2017; 5: 48.
- Rose DR, Yang H, Serena G, et al. Differential immune responses and microbiota profiles in children with autism spectrum disorders and co-morbid gastrointestinal symptoms. Brain Behav Immun. 2018 May;70: 354-368.
- Strati F, Cavalieri D, Albanese D, et al. New evidences on the altered gut microbiota in autism spectrum disorders. Microbiome. 2017 Feb 22;5(1): 24.
- Underhill DM, Iliev ID. The mycobiota: Interactions between commensal fungi and the host immune system. Nat. Rev. Immunol. 2014, 14, 405-16.
- Willyard C. Could baby’s first bacteria take root before birth? Nature, 2018; 553, 264-266.
- Zelante T, Iannitti RG, Cunha C, et al. Tryptophan catabolites from microbiota engage aryl hydrocarbon receptor and balance mucosal reactivity via interleukin-22. Immunity 2013, 39, 372-85.



Marco O. Bertelli